YouStrong™

Vista SP1 e Windows Server 2008 sono completi

Posted on: febbraio 5, 2008

Redmond (USA) – Dopo molti mesi di beta testing, ieri Windows Server 2008 e il Service Pack 1 (SP1) per Windows Vista sono stati finalmente rilasciati da Microsoft nella versione release to manufacturing (RTM), che segna il completamento dei due prodotti e l’avvio della duplicazione in serie su DVD.

Come spiegato in questo post apparso sul blog ufficiale di Windows Vista, l’SP1 verrà distribuito a metà marzo in inglese, francese, spagnolo, tedesco e giapponese, e a partire da metà aprile nelle restanti lingue. L’update sarà disponibile fin da subito su Windows Update, e nel mese successivo anche attraverso la funzione Aggiornamenti automatici di Windows: ciò significa che, sui sistemi configurati per la ricezione automatica degli update, verrà scaricato automaticamente.

Tutto liscio? Non proprio. Microsoft fa sapere che l’attuale versione dell’SP1 può andare in conflitto con alcuni driver di periferica “che non seguono le linee guida per l’installazione dei driver”: il numero di tali componenti sembra per fortuna molto ridotto, ma per precauzione BigM farà sì che Windows Update consenta il download dell’SP1 esclusivamente sui PC che non contengono driver incompatibili. In questo arco di tempo l’azienda ha detto che collaborerà con i produttori di hardware per risolvere l’inconveniente e distribuire quanto prima versioni aggiornate dei driver non conformi.

“Dal momento che il problema è causato dal modo in cui i driver si installano nel sistema, e non dai driver in sé, una soluzione potrebbe essere data dalla reinstallazione degli stessi”, si legge nel post. “Sebbene questo workaround abbia funzionato bene per molti dei nostri beta tester, è nostra intenzione fornire agli utenti un’esperienza migliore mettendo a loro disposizione versioni aggiornate dei driver”.

BigM ha ricordato come l’SP1 migliori aspetti quali sicurezza, affidabilità, performance e compatibilità. Soprattutto sotto il punto di vista delle prestazioni, il gigante di Redmond sostiene che il pacco risolve uno dei problemi più lamentati dagli utenti: la scarsa velocità di Vista nella copia dei file, sia in locale che via rete. Microsoft afferma che in questo comparto l’SP1 può incrementare le prestazioni anche fino al 50%.

 

Windows Server 2008 RTM
Ieri il fine lavori è stato annunciato anche per la nuova versione server di Windows, la 2008, il cui lancio ufficiale è programmato per il 27 febbraio insieme a quello di Visual Studio 2008 e SQL Server 2008. Il lancio italiano avverrà invece nei due giorni successivi, il 28 e 29 febbraio, data a partire dalla quale i clienti con contratto Volume Licensing, Software Assurance o Enterprise Agreement potranno scaricare il sistema operativo. Il software diverrà invece disponibile sul mercato retail a partire dal primo marzo. Attualmente, il download di Windows Server 2008 x64 è riservato a coloro che sono iscritti al TechNet Plus.

Windows Server 2008 è stato sviluppato parallelamente al codice di Windows Vista, e include la maggior parte delle funzionalità di gestione e protezione di quest’ultimo, quali Network Access Protection (NAP) e Group Policy. In aggiunta, le prestazioni a livello di sistema sono implementate grazie a un’architettura integrata, che include la condivisione di file di rete, la gestione della qualità del servizio e la riduzione dei consumi.
“Strumenti e processi comuni tra i due sistemi operativi produrranno efficienza elevata per le organizzazioni IT”, assicura Microsoft. “Microsoft ha offerto ai clienti una Go Live License, che consentiva di distribuire versioni beta di Internet Information Services 7.0 (IIS 7.0) in ambiente di produzione live. Al momento, 28 società di hosting in tutto il mondo hanno creato e lanciato offerte che utilizzano il programma, mentre altre centinaia hanno scaricato la versione beta di Windows Server 2008 per i test”.

Con Windows Server 2008, Microsoft è inoltre pronta ad adottare l’hosting PHP su Windows tramite il modulo FastCGI per IIS 7.0: questo permette ai professionisti IT di ospitare simultaneamente sui propri server applicazioni PHP e ASP.NET.

Per aiutare le aziende nella migrazione a Windows Server 2008, Microsoft ha creato quattro strumenti di valutazione automatizzati, detti “solution accelerator”:

Microsoft Assessment and Planning (MAP) tool, che consente di valutare le applicazioni installate nei server, determina le caratteristiche dell’hardware e fornisce indicazioni relative alla virtualizzazione server;
Infrastructure Planning and Design Guides, che includono considerazioni relative all’architettura per implementare l’aggiornamento a Windows Server 2008;
Windows Server 2008 Security Guide, che offre procedure ottimali e strumenti automatizzati per potenziare la protezione dei server che eseguono Windows Server 2008;
Microsoft Deployment Tool, che riduce i costi del deployment client e server, grazie a linee guida dettagliate e documenti di supporto per ogni ruolo che all’interno dell’organizzazione è coinvolto in progetti di distribuzione su larga scala.

Opzioni di aggiornamento
Windows Server 2008 utilizza la distribuzione basata su immagini, che secondo Microsoft rende la procedura di installazione più semplice, rapida e a prova di errore rispetto a una procedura di installazione basata su script.

I clienti che effettuano l’aggiornamento da Windows Server 2003 a Windows Server 2008 seguiranno uno dei due metodi, a seconda dell’ambiente di cui dispongono. Microsoft afferma che i server in cui sono in esecuzione solo applicazioni software fornite con Windows Server 2003, ad esempio Active Directory, Domain Name System (DNS) e Dynamic Host Configuration Protocol (DHCP), sono le più idonee a un aggiornamento semplice.

Microsoft consiglia ai clienti che hanno un’ampia gamma di applicazioni, di attenersi ai suggerimenti della comunità IT e di eseguire una “clean install”, ossia un’installazione da zero, di Windows Server 2008.

“Microsoft informa i clienti che desiderano procedere con un aggiornamento, di contattare innanzitutto il produttore del software per ricevere un documento di procedure di aggiornamento”, spiega Microsoft. “I clienti, che eseguono applicazioni per le quali i produttori non offrono supporto durante la procedura di aggiornamento, che non sono state fornite insieme a Windows Server 2003 o che non sono state inviate a Windows Server tramite Windows Update, dovrebbero prima di tutto rimuovere tali applicazioni, eseguire l’aggiornamento a Windows Server 2008, verificare che le applicazioni siano supportate su Windows Server 2008 e quindi reinstallare le applicazioni.

Windows Server 2008 offre anche un’opzione di installazione barebone denominata Server Core, nella quale vengono installati solo i servizi necessari a eseguire Active Directory Domain Services, Active Directory Lightweight Directory Services (AD LDS), DHCP, DNS Server, File Services, Print Server, Streaming Media Services, Web Server (IIS) o Hyper-V (Virtualization). Un’installazione Server Core offre funzionalità server di livello base ed essenziali, per cui in genere richiederà meno manutenzione e una quantità inferiore di aggiornamenti rispetto a un’installazione completa.

Windows Server 2008 Logo
Microsoft ha anche annunciato l’avvio del programma Windows Server 2008 Logo, studiato per certificare la conformità di un’applicazione alle procedure consigliate relative a compatibilità, protezione, affidabilità e disponibilità su Windows Server 2008

Il programma è caratterizzato da due certificazioni: Funziona con Windows Server 2008, che garantisce la conformità dell’applicazione alle procedure consigliate per le funzioni più comuni di Windows Server 2008; e il logo Certificato per Windows Server 2008, che “supporta rigorosi standard” per assicurare stabilità, protezione, affidabilità e prestazioni globali.

Microsoft prevede che almeno 80 applicazioni software saranno “Certificate per Windows Server 2008” entro la fine di febbraio e che altre 300 circa saranno pronte per la nuova piattaforma. Un elenco completo dei prodotti hardware e software compatibili è disponibile qui.

Oltre a incoraggiare i clienti a cercare il logo di certificazione al momento dell’acquisto di un prodotto, Microsoft ha introdotto una novità per quanto riguarda Windows Server 2008. La società ha messo a disposizione dei professionisti IT gli stessi strumenti utilizzati dagli sviluppatori indipendenti per testare la compatibilità dei loro prodotti affinché possano testare sia le applicazioni commerciali che quelle personalizzate sviluppate internamente. Gli strumenti sono scaricabili da qui.

Esiste anche un sito, Windows Server 2008 Developer Center, dedicato agli sviluppatori indipendenti e aziendali che si occupano di applicazioni personalizzate. Il sito fornisce video con procedure su come eseguire attività specifiche utilizzando prodotti e tecnologie Microsoft, interviste con i tecnici di Microsoft e documenti correlati. È possibile collegarsi inoltre a un forum tecnico in cui si può discutere e porre domande riguardanti la certificazione e l’application readiness.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Translate wordpress in English

Pubblicità

Categorie YouStrong

Visite

Blog Stats

  • 50,022 hits

ISO 9002 2008 CERTIFIED IQNet – ECDL – Alice CONNECTION

Più cliccati

  • Nessuna

Questo blog è di parte

questo sito e di parte
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: