YouStrong™

La ventolina per CPU non avrà più la ventola

Posted on: marzo 21, 2008

Sfruttando una tecnica già nota da tempo, ma ancora poco sfruttata nel campo dei chip per computer, una coppia di scienziati statunitensi ha realizzato una “ventola a stato solido”, ossia un dissipatore per CPU capace di creare una corrente d’aria senza l’uso di parti meccaniche in movimento. Il risultato è un sistema di ventilazione virtualmente privo di emissioni acustiche e in grado di consumare solo una frazione dell’energia richiesta dai comuni dissipatori attivi.

La piccola “ventola senza ventola”, chiamata RSD5, è l’apice di un progetto di ricerca durato sei anni e finanziato dallo US National Science Foundation (NSF). I due inventori sono Dan Schlitz e Vishal Singhal della Thorrn Micro Technologies, una società che intende utilizzare la tecnologia alla base di RSD5 per produrre ventole a stato solido commerciali, adatte ad essere utilizzate sui personal computer, in specie quelli portatili, e su molti altri dispositivi elettronici.

RSD5 sfrutta lo stesso fenomeno fisico alla base dei depuratori d’aria, il cosiddetto effetto corona, che si manifesta quando una corrente elettrica fluisce tra un conduttore a potenziale elettrico elevato ed un fluido neutro circostante, in questo caso aria. La differenza di potenziale – che dev’essere sufficiente a provocare la ionizzazione del fluido isolante (l’aria) ma insufficiente ad innescare un arco elettrico – fa sì che l’aria diventi plasma e conduca elettricità. In breve, gli ioni fluiscono dall’elettrodo ad elevato potenziale (il cavo elettrico) verso quello a basso potenziale: in questo spostamento gli ioni collidono con le molecole neutre dell’aria, creando una pressione capace di generare una corrente d’aria.

Nel caso di RSD5, i due ricercatori affermano che la corrente d’aria generata è fino tre volte maggiore di quella creata da un comune ventolina di raffreddamento per CPU, ma la dimensione del dissipatore è circa un quarto. Più nel dettaglio, Schlitz e Singhal sostengono che una loro ventola a stato solido da un centimetro cubo è sufficiente per raffreddare un chip da 25 watt.

Il principio fisico sui cui si basa il dissipatore dei due scienziati americani viene già utilizzato da tempo in dispositivi come i depuratori d’aria, le fotocopiatrici e certi laser. Ma una tecnologia simile a quella di RSD5 è già stata impiegata anche nel campo della dissipazione del calore, e in particolare da alcuni modder particolarmente inventivi e intraprendenti. RSD5 è tuttavia il primo dissipatore di questo tipo ad essere stato concepito per la produzione in serie e per l’eventuale integrazione all’interno dei chip in silicio.

2 Risposte to "La ventolina per CPU non avrà più la ventola"

il principio di tali ventole possono essee usarete per la navigazione marittima

o arrea in sostituzione delle eliche ?

tavole serf , barche , sottomarini , navi, aerei leggeri

il principio di tali ventole possono essee usarete per la navigazione marittima

o aera in sostituzione delle eliche ?

nelle vele
negli scafi
nelle ali e nelle fusoliere

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Translate wordpress in English

Pubblicità

Categorie YouStrong

Visite

Blog Stats

  • 50,022 hits

ISO 9002 2008 CERTIFIED IQNet – ECDL – Alice CONNECTION

Più cliccati

  • Nessuna

Questo blog è di parte

questo sito e di parte
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: